martedì 17 agosto 2010

Rollei 35 Tessar

Read this post in English 



La Rollei 35 è un gioiellino tutto meccanico. Ricordo di averla vista la prima volta quando ero bambino, sfogliando una rivista di fotografia. Mi aveva colpito il fatto che una macchina così piccola avesse delle caratteristiche superiori a modelli ben più ingombranti. Anche il prezzo mi aveva colpito e l'avevo subito riposta nell'archivio dei sogni irraggiungibili.

Poi è arrivato ebay e un paio di anni fa ne ho comprata una. Essendone stati venduti circa 2 milioni di esemplari (apparsa nel 1966,è rimasta in produzione per 30 anni), la Rollei 35 abbonda sul mercato dell'usato. Meno facile è trovarla priva di graffi e ammaccature. La mia era praticamente nuova, per fortuna.

La macchinetta è un autentico concentrato di tecnologia. È molto piccola e quando la si prende in mano sorprende per il suo peso, molto maggiore di quanto ci si aspetterebbe da una compatta di tali dimensioni (ma non dimentichiamo che è tutta in metallo).

La posizione dei comandi, dettata da ovvie esigenze di contenimento dell'ingombro, è tutt'altro che ergonomica: la leva di carica è a sinistra, la slitta del flash e il contapose sono sotto la macchina, le regolazioni dei diaframmi e dei tempi sono sul frontale, la pila è sostituibile solo dall'interno della macchina.

La messa a fuoco è su scala metrica: occorre stimare a occhio la distanza del soggetto e impostarla sulla ghiera dell'obiettivo. Per compensare eventuali errori conviene contare sull'ampia profondità di campo del 40mm, magari chiudendo il diaframma almeno a f5,6 o f8. L'uso di un film di media sensiblità (es. 400 ISO) rende la vita più facile.

La mia ha un obiettivo Tessar (f3,5). Consiglio però quella con il Sonnar (f2,8), non solo per la migliore resa ottica (che però è irrilevante nella maggior parte delle situazioni), ma anche perchè accetta filtri da 32mm, decisamente più facili da reperire sull'usato.

L'esposimetro non è molto sensibile in condizioni di luce scarsa. Risolvo il problema portandomi dietro un piccolo Sekonic (leggerissimo).

La uso regolarmente, di solito con la TRI-X a 400 ISO. È comoda perchè, grazie all'obiettivo retrattile, entra tranquillamente in tasca e la posso portare ovunque. Altro vantaggio: ha uno scatto estremamente silenzioso.

Caratteristiche:
  • otturatore Compur, con tempi da 1/2 s a 1/500 s + B
  • diaframmi da f3.5 a f22
  • obiettivo 40mm f3.5 Tessar (retrattile)
  • messa a fuoco su scala metrica, da 90 cm a infinito
  • film: 35mm
  • esposimetro al CdS
  • monta filtri da 24mm
  • peso: 370 grammi
  • prezzo di vendita (nel 1969): $229.95

Alcuni link utili:
Riferimenti bibliografici:
  • Todd Gustavson, 500 cameras, 170 years of Photographic innovation, page 274

Nessun commento:

Posta un commento