giovedì 16 dicembre 2010

Susan Sontag - On Photography







"I sit in the corner and look at the paintings"

                                       Rowan Atkinson (in The Ultimate Disaster Movie)



Universalmente riconosciuta come uno delle più autorevoli raccolte di saggi di critica fotografica, "On Photography", di Susan Sontag, può piacere o meno. Chi ama passare il tempo leggendo quello che scrivono i critici d'arte troverà in questo libro pane per i suoi denti. Chi invece le fotografie le vuole soprattutto vedere, è meglio che si orienti verso un buon libro di immagini.



"On Photography" è un'analisi approfondita sul ruolo della fotografia in relazione alla società, all'individuo e alla cultura. È un'analisi ricca di riferimenti ad altre forme espressive, in primo luogo il cinema. È un libro non facile, privo di immagini, che non si può leggere senza aver prima visto i più significativi lavori degli autori citati. E, possibilmente, dopo aver letto un buon testo di storia della fotografia.



"On Photography" è un libro originale, che fa pensare e sa provocare con intelligenza (tutt'altra cosa rispetto alle chiassose esibizioni televisive di certi "critici d'arte").



Chi lo legge, dovrebbe però avere in mente quello che diceva Edward Weston dei critici: "Well, if it means that to him it's all right with me".

Nessun commento:

Posta un commento