lunedì 25 aprile 2011

il test della Acros 100 in Rodinal

Ho provato alcune volte la Acros 100 con il Rodinal e mi è sembrata particolarmente interessante in termini di finezza di dettagli.  Il Rodinal, in fondo, esalta particolarmente l'acutanza, anche se a scapito della grana. Ma la grana della Acros è decisamente fine, quindi dovrebbe essere un'accoppiata valida.

Purtroppo non ci sono molte informazioni disponibili sui tempi di sviluppo da utilizzare. The Massive Development Charts [2] raccomandano di esporre il film a 100 ISO e svilupparlo in Rodinal 1+50 per 13,5'. I risultati tuttavia non sono soddisfacenti, sia per la scarsità di dettagli nelle ombre che l'eccessivo contrasto.
La stessa fonte suggerisce, come alternativa, 11' esponendo il film a 50 ISO.

Ho deciso tuttavia di fare un test approfondito per ricavare le curve caratteristiche, l'ISO effettivo e il gradiente medio di contrasto.

Ho fatto diverse esposizioni (a EV 8) di un cartoncino grigio e di un foglio bianco, sovraesponendo e sottoesponendo in modo da coprire le zone da 0.5 a IX.5. Il foglio bianco risultava +2 2/3 stop più luminoso del cartoncino grigio, quindi per ogni scatto ho ricavato 2 valori di densità.

La procedura di test (descritta qui) è stata resa più semplice mediante l'utilizzo di un piccolo software da me sviluppato.

Ecco i risultati.

Test1
Acros 100 esposta a 64 ISO e sviluppata 10' in Rodinal 1+50 a 20 gradi


Osservazioni:
  • i dati sperimentali mostrano alcune oscillazioni dovute probabilmente a errori (gli errori sono dovuti probabilmente al fatto che ho misurato diversi target posizionati in diverse aree del fotogramma: poiché un obiettivo perde luminosità dal centro ai bordi è essenziale che il target sia sempre nello stesso punto del fotogramma)
  • la curva caratteristica va in saturazione a livelli di densità piuttosto alti
  • il film ha un'ampia latitudine di posa
  • è opportuno fare un ulteriore test a 50 ISO, riducendo il tempo di sviluppo a 9' 30"
Test 2
Acros 100 esposta a 50 ISO e sviluppata 9'30" in Rodinal 1+50 a 20 gradi.

Questa volta ho fatto 6 misure su altrettanti fotogrammi. In tutte le misure il target era posizionato al centro del fotogramma.
  • Target illuminato a EV9 (spotmeter settato a 50 ISO):
    • zona I (1/30 f511):  0.15 log units
    • zona III (1/30 f5.6): 0.48 log units
  • Target illuminato a EV16.5 (spotmeter settato a 50 ISO):
    • zona V (1/250 f11-16): 0.78 log units
    • zona IX (1/125 f4-5.6): 1.38 log units
    • zona X (1/125 f2.8-4): 1.52 log units
    • zona XII (1/30 f2.8-4): 2.13 log units
Il file di configurazione è pertanto il seguente:

[Film]
type  = Acros 100 (120)
development = Rodinal 1+50
iso = 50
[Spline]
order      = 5
smoothness = 1.0
[Standard]
preset = LW
[Data]
points:
 ((0, 0),
 (1, 0.15),
 (3, 0.48),
 (5, 0.78),
 (9, 1.38),
 (10, 1.52),
 (12, 2.13))

La curva caratteristica ricavata mediante fcurve risulta la seguente:
Aggiungerò nei prossimi giorni alcune conclusioni.

Riferimenti
  1. Ralph W. Lambrecht and Chris Woodhouse - Way Beyond Monochrome, Edition 2 - Focal Press
  2. The massive development charts.
  3. The Neopan 100 Acros data sheet .

3 commenti:

  1. Ciao Maurizio,hai avuto più modo,di fare altre prove con l'Acros?
    Attualmente la stò utilizzando con soddisfazione,
    con l'FX1.


    Saluti.

    RispondiElimina
  2. Un post interessantissimo. Grazie per la dedizione alla causa.....
    Lo hai anche provato alla sensibilità nominale?
    Ciao e complimenti

    RispondiElimina
  3. Un post interessantissimo. Grazie per la dedizione alla causa.....
    Lo hai anche provato alla sensibilità nominale?
    Ciao e complimenti

    RispondiElimina