giovedì 26 maggio 2011

Le Guide du Routard Sardaigne 2011-2012

Tra le tante guide turistiche che mi è capitato di consultare, da sempre ho apprezzato le Guides du routard.  Quando erano apparse, nella seconda metà degli anni '70, si rivolgevano ad un pubblico di giovani con pochi soldi. Col tempo la collana ha ampliato il target di lettori, dato che molti dei viaggiatori squattrinati a cui le guide erano inizialmente rivolte si sono nel frattempo abituati a qualche comodità in più. Ma lo spirito delle guide è rimasto immutato: informale, diretto, essenziale.

Il testo invita alla lettura, la lettura invita al viaggio. Non ci sono figure, ne' descrizioni dettagliate dei monumenti. C'è quello che serve: dove dormire, dove mangiare, cosa vedere. Raramente mi sono trovato male con uno degli indirizzi segnalati da Le Guide du Routard. Se devo visitare una destinazione nuova, mi procuro per prima cosa la guida, rigorosamente in francese perchè l'edizione italiana spesso non c'è e quando c'è non è detto che sia aggiornata (vedi nota in basso).

* * *

Ho acquistato Sardaigne  2011-2012 appena è apparsa. Pur vivendo in Sardegna, mi capita infatti anche di girarla per turismo e trovo utile avere sottomano degli indirizzi affidabili.
La guida (oltre 200 pagine scritte fitte fitte) copre le principali località di interesse dell'isola. È scritta per il turista che si sposta, non per chi viene in Sardegna per stare un paio di settimane in una casa al mare o in un villaggio turistico. Va ovviamente integrata con la lettura di qualcosa di più approfondito.

Piacevolissima la lettura, anche perchè mostra come appare la Sardegna ad un visitatore francese ("Alghero, c'est Nice ou Cannes, les plages sont en pleine ville", "Porto Cervo, excroissance italienne de Saint-Tropez", ...).

Malgrado qualche imprecisione e dimenticanza (una grave: non viene citata la Galleria Comunale d'Arte di Cagliari), le Guide du Routard Sardaigne 2011-2012 è un utile compagno di viaggio per chi voglia passare qualche giorno in questa splendida isola.

* * *

Nota (aggiunta il 14/5/2012)
Ho appena acquistato "Le Guide du Routard Allemagne 2012", in edizione francese, pagandola 13,02 euro su Amazon.it. L'ultima edizione italiana (denominata "Le Guide Routard", senza il "du"!) è del 2011 e di euro ne costa  22,95. Ossia il 76% in più, per una guida dell'anno precedente. Anzi, se si facesse riferimento ai prezzi di listino, senza sconti, il ricarico sarebbe addirittura del 90%.

Aggiornamento al 12/8/2013
Di ritorno da un viaggio di un paio di settimane in Europa, mi rendo conto di usare sempre meno Le Guide du Routard, in favore di Tripadvisor, oramai facilmente accessibile grazie al wi-fi gratuito presente in tutti gli hotel. 

2 commenti:

  1. Ciao, volevo chiederti se esiste in italiano o in spagnolo e se si dove l'hai acquistata. grazie

    RispondiElimina
  2. Ciao, che io sappia esiste solo in francese. L'ho presa su amazon.fr, prova a cercare si amazon.it p amazon.es, potrebbe essere uscita una traduzione.

    RispondiElimina