martedì 16 agosto 2011

le grotte di Su Mannau a Fluminimaggiore -

Oggi sono andato a visitare le grotte di Su Mannau. Si trovano a Fluminimaggiore, in Sardegna, a meno di un'ora da Cagliari, dove abito. Pur essendo così vicine a casa, non ero mai andato a vederle prima d'oggi. Male, perchè meritano eccome una visita!

* * *

Si tratta di grotte carsiche, tipiche dei terreni costituiti prevalentemente da rocce calcaree.

L'azione aggressiva sul calcare da parte dell'anidride carbonica disciolta nell'acqua piovana crea nel corso dei millenni delle immense cavità sotterranee. La reazione produce bicarbonato di calcio che, a differenza del calcare (carbonato di calcio), è solubile in acqua.

Lo stillicidio di acqua satura di bicarbonato di calcio da' a sua volta luogo, mediante una reazione inversa, ai depositi di carbonato di calcio che sono all'origine delle stalattiti e delle stalagmiti.



Il ramo di destra della grotta era utilizzato anticamente per il culto delle acque. Sono state infatti rinvenute in tale luogo numerose lucerne. Il ramo di sinistra è rimasto invece a lungo inesplorato, a causa della leggenda che fosse abitato da una creatura mostruosa (Su Mannau).

Solo recentemente (negli anni '90) la grotta è stata attrezzata per le visite turistiche, salvandola dal depredamento continuo.

* * *

Per arrivarci si può passare da Iglesias e risalire per una ventina di chilometri la tortuosa SS126 fino all'indicazione per le grotte.

In prossimità dell'ingresso delle grotte c'è un bar (che fa anche da biglietteria) e una piccola area picnic nel bosco, con tavolini in legno e varie fontanelle da cui sgorga un'acqua fresca e leggermente sulfurea.

La visita turistica è guidata, dura circa un'ora e si svolge quasi interamente su un percorso attrezzato mediante scalette e passerelle in ferro. Non presenta quindi alcuna difficoltà.

Volendo, si possono prenotare delle visite speleologiche, di durata più lunga.




Nessuna foto potrà dare l'idea dei colori delle concrezioni e della trasparenza delle acque. Si attraversano sale, gallerie, si ammira un lago e un fiume sotterraneo, si scende infine al pozzo Rodriguez (che prende il nome da uno dei primi esploratori della grotta).

* * * 

La temperatura interna è di 16 gradi. Ottima quindi da visitare l'estate, quando fuori si muore di caldo.

Visitandola in una stagione più temperata si potrà fare anche qualche escursione nei dintorni. Interessante il sentiero denominato "strada romana" che in circa un'ora e mezzo conduce al Tempio di Antas.

Riferimenti:
  • il sito delle grotte di Su Mannau, con informazioni aggiornate su orari e prezzi delle visite
    .

Nessun commento:

Posta un commento