lunedì 31 ottobre 2011

Ansel Adams in mostra a Modena

Ieri ho attraversato l'appennino: da Pisa a Modena, per il passo delle Radici, con le immancabili soste di una splendida giornata autunnale. In tutto 169 km, per andare a vedere la mostra di Ansel Adams "La Natura è il mio Regno". Erano anni che attendevo un evento simile.

* * *

La mostra di Modena è la più grande esposizione di opere di Ansel Adams mai avvenuta nel nostro Paese.

Tra le circa settanta fotografie esposte, c'è il meglio della produzione del grande maestro. Si tratta di opere pervenute a Modena da musei e collezioni private di tutto il mondo ed esposte in modo eccellente negli spazi dell'ex Ospedale Sant'Agostino. Tali spazi sono la sede di riferimento del progetto Fondazione Fotografia, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e avente come scopo la creazione di una collezione permanente di fotografia contemporanea e la promozione di iniziative culturali rivolte al pubblico.

Poter vedere da vicino così tanti lavori di Ansel Adams è un'esperienza unica. Si tratta infatti di stampe originali, eseguite da Ansel Adams in persona.

È vero che le stesse foto si possono ammirare, riprodotte con molta cura, su tantissimi libri. Però, avere di fronte le stampe originali è un'altra cosa, non solo per le dimensioni (se si fa eccezione per le stampe a contatto, molte arrivano ai 40x50cm e oltre) e la quantità di dettagli (Ansel Adams lavorava prevalentemente in grande formato), ma soprattutto per la ricchezza della scala tonale. Infatti, non c'è proprio di meglio del vedere delle stampe originali di Ansel Adams, per percepire il valore e l'efficacia del  sistema zonale, il metodo da lui ideato per ottenere dei risultati prevedibili (e previsualizzati mentalmente).

* * *

La mostra è gratuita. Si tratta sicuramente di una scelta ammirevole, dettata dalla volontà di diffondere la cultura verso il maggior numero possibile di persone.

* * *

AGGIORNAMENTO AL 30 NOVEMBRE 2011:

Occhio però se decidete di andare a Modena in auto. Mi è appena arrivato un bel multone di oltre 90 euro per essere entrato in ZTL. Non ho visto il cartello, o forse non era poi così tanto visibile (chissà perchè). Mai incappato in problemi simili quando vado in Francia o in Germania... Sta di fatto che ho interrotto il mio record di oltre 25 anni senza neanche una multa. Ma per Ansel Adams ne è valsa la pena.

Riferimenti

2 commenti:

  1. come ti capisco!!anch'io sono andata a modena x vedere la mostra e sicuramente ho preso la multa x aver fatto 2 metri nella zona ZTL!attenzione ai lavori in corso che ci sono perchè limitano la vista dei cartelli che indicano le zone a traffico limitato!!consiglio:scaricatevi sul sito di modena la cartina della città così non avrete problemi anche per trovare i parcheggi liberi!!!che dire della mostra? semplicemente meravigliosa!da non perdere anche il video nella sala più grande dove si vede proprio lui che scatta alcune delle sue foto più belle!è in inglese ma ne vale la pena!!!

    RispondiElimina
  2. Ottimo consiglio SCARICATE LA MAPPA PER EVITARE LA ZTL. Non date altri soldi al Comune di Modena!
    Da anni viaggio in auto in Europa, entrando nei vari centri cittadini e mai e poi mai sono sconfinato nelle ZTL, essendo queste ben segnate!!
    Chissà, forse a Modena mi sono distratto :)

    RispondiElimina